laportofinese | LA REPUBBLICA – Ambiente hi tech
16796
post-template-default,single,single-post,postid-16796,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

LA REPUBBLICA – Ambiente hi tech

LA REPUBBLICA – Ambiente hi tech

La Repubblica – Energie rinnovabili e prodotti naturali, la rivoluzione che parte dal futuro – PORTOFINO (GENOVA), 07 NOVEMBRE 2017

Puntare sul territorio, far diventare Portofino un modello per progetti che coniugano tecnologia e tradizione, agricoltura e turismo sostenibile, è la mission meno conosciuta del borgo, lontano dal glamour della piazzetta, che adesso pensa anche a ripopolarsi. A capitanare il tutto è un gruppo di giovani locali che hanno fondato due società, la Portofinese che si occupa di prodotti agricoli, e la Portofino 360° che si dedica alle energie rinnovabili, settori apparentemente diversi, ma non poi così lontani.

Da qualche anno stiamo notando una vera e propria inversione di tendenza come il ritorno dell'agricoltura

dice Alberto, l’agronomo della società agricola.

Partiamo dall’alto, da uno dei punti più selvaggi del Monte, a 200 metri di altezza, tra Portofino e San Fruttuoso, sopra la Cala degli Inglesi, nel cuore della macchia mediterranea, dove solo uno strano brusio interrompe il fischiare del vento. Qui non abitano uomini, ma 150 mila api, divise in una dozzina di grandi famiglie, ovvero in 12 alveari con vista mare, e tra questi ne spicca uno leggermente diverso.

E' il nostro alveare 2.0, ci permette di controllare lo stato degli insetti e dell'ambiente; è alimentato a pannelli solari, con sonde per registrare ogni passaggio delle api, anche 10 mila al giorno per un solo insetto, per unire la tecnologia con una delle tradizioni più antiche come l'apicoltura

spiega Aurora Silanos, apicoltrice.

Qua produciamo miele biologico, un centinaio di chilogrammi all'anno, mettendo al primo posto la qualità.